FAQ Servizio civile

Condividi

Non è prevista esclusione per coloro che abbiano firmato il patto di servizio per una misura diversa dal SCN

Nel caso in cui un giovane viene preso in carico, accetta la politica attiva, ma in corso di effettuazione ne interrompe il percorso, può riscriversi perdendo le priorità sull’ordine di chiamata collegate alla precedente iscrizione

Nel caso in cui un giovane viene preso in carico, accetta la politica attiva ma in corso di effettuazione ne interrompe il percorso, può reiscriversi perdendo le priorità sull'ordine di chiamata collegate alla precedente iscrizione.

Nel caso in cui un giovane decide di re-aderire ci sarà una nuova re-iscrizione con una nuova partenza rispetto a ordine di chiamata e offerta di misure e servizi

Sono considerati non inseriti in un percorso di istruzione o formazione i giovani non iscritti ad un regolare corso di studi (secondari superiori o universitari) o di formazione

Si conferma che non c’è la necessità di sottoscrivere il Patto di Servizio nella Regione in cui si presenta la domanda ai SCN GG ma può essere sottoscritto in una Regione diversa

L’art 5 del Bando prevede tra l'altro che l'ente accerti - a pena di esclusione - che la domanda contenga la dichiarazione relativa alla data di registrazione al PON lOG.Quindi tutti gli altri elementi riportati nel quesito concernenti Regione, Provincia, Comune e Servizio Competente debbono ritenersi sanabili alla stregua delle disposizioni del predetto art. 5 del Bando

Se al controllo del Dipartimento il giovane risulta non registrato è fuori dal Programma

Gli enti di servizio civile si limitano a trasmettere i nominativi e le informazioni relative ai giovani idonei selezionati, idonei non selezionati e non idonei. Le informazioni vengono recepite dai servizi competenti

Trattandosi di un'autocertificazione, la domanda deve essere compilata in ogni sua parte. In sede di selezione la parte non compilata del CPI può essere motivo di integrazione su richiesta dell'ente all'atto della selezione.

I dati che gli enti devono inserire nelle graduatorie sono chiaramente indicati all'art.7 del bando, il cui format, tra l'altro, è disponibile sul sistema informatico "Futuro" che gestisce l'intero programma.

Gli enti devono trasmettere a ciascun CPI di riferimento i nominativi dei giovani degli idonei selezionati, degli idonei non selezionati, dei non idonei che si sono registrati in quel CPI

L’ente titolare del progetto comunica alla Regione e ai Servizi Competenti:
- Esclusione di cui all'art.5 del bando alla conclusione delle procedure selettive;
- Comunicazioni art.6 del bando. Ogni ente comunica i nominativi degli idonei selezionati, idonei, non utilmente collocati in graduatoria e guelli ritenuti non idonei all'atto della trasmissione della graduatoria al Dipartimento;

Per quanto riguarda la misura Servizio Civile Nazionale la verifica dei requisiti (presa lin carico), la cui mancanza comporta l’esclusione dalla misura, awiene tramite flusso informatico tra il Dipartimento ed il MLPS, entro massimo 3 mesi dall’avvio al servizio

La presa in carico del volontario da parte del cpi deve avvenire entro 3 mesi dall’owio del progetto come da art 4 del contratto, salvo successive disposizioni

ln caso di mancata presentazione in servizio di un idoneo selezionato si procede allo scorrimento della graduatoria. E’ avviato in servizio, su richiesta dell’ente, il primo idoneo non selezionato che segue in graduatoria. ll volontario avviato al servizio, a seguito dello scorrimento della graduatoria, presterà servizio per 12 mesi. Si procede inoltre, allo scorrimento della graduatoria con le modalità sopra indicate, nel caso di esclusione dalla partecipazione al servizio civile di giovani che risultano non registrati o registrati in ritardo al PON lOG.
Non si procede allo scorrimento della graduatoria nel corso della realizzazione del progetto anche in caso di rinunce, interruzioni, dimissioni verificatisi entro i primi 3 mesi dall’attivazione del progetto

Nel caso in cui per una determinata Regione si dovesse procedere ad un nuovo bando per una rimodulazione delle risorse nell'ambito delle misure con un aumento di quelle destinate al  servizio civile nazionale è chiaro che si procederà ad aggiungere eventuali posti non coperti con iprecedenti bandi. Analogo discorso può essere effettuato per i consistenti residui non inseriti nei bandi relativi alle regioni Campania (7721), Lazio (1101), Puglia (7421) e Sardegna (1921)

Come da art. 4 del contratto l’interruzione del servizio prima dei tre mesi comporta il mancato riconoscimento dell’assegno di servizio civile e la mancata attestazione/validazione/certificazione delle competenze acquisite

lI Dipartimento è Organismo intermedio FSE in base all'art. 123, comma 6, del Regolamento (UE) n. 1303/2013, per l'attuazione della misura "Servizio Civile", prevista nel "Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani” e pertanto espleterà i controlli di l livello previsti dal Fondo Sociale Europeo

All’interno dell'art. 7 si prevede un controllo su base campionaria dei dati dichiargti dal giovane e non una verifica durante la fase di selezione.

I rapporti che intercorrono tra gli enti di SCN e l'Organismo intermedio, in questo caso il Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale, sono regolati con quest’ultimo e pertanto le istruzioni relative alla rendicontazione saranno disposte dall’Organismo Intermedio in questione

II sistema Futuro è utilizzabile da parte degli enti già dal mese di gennaio. Molti enti hanno già inserito le graduatorie in relazione alle guali il Dipartimento, a far data dal 1040212015, tramite flussi informatici di scambio con il MLPSI sta verificando il possesso del requisito,da parte dei giovani compresi nelle stesse, della registrazione al PON IOG

Nel corso della riunione del 27 ottobre u.s.. è stato chiarito che specifiche selezioni si rendono necessarie poiché il candidato potrebbe non essere idoneo a quel tipo di attività prevista da quel progetto di servizio civile

Nelle convenzioni sottoscritte tra il MLPS e le Regioni e la Provincia Autonoma di Trento all'art 6 si prevede che la Regione si impegna a sostenere le spese relative alle misure erogate in altre Regioni italiane, nei confronti dei giovani residenti sul proprio territorio. Le spese sostenute per i giovani non residenti nel proprio territorio saranno rimborsate alla Regione erogante per il tramite del MLPS che gestirà tutte le operazioni di compensazione. La procedura di compensazione è descritta nel Sistema di gestione e Controllo del MLPS.

Anche se può aderire al programma non potrà essere inserito in una misura di politica attiva finchè non cessa l’impegno nel S.C.

NO, in quanto un giovane avviato al Servizio Civile Nazionale non perde lo status di disoccupato ex D. Lgs. 181/2000 in base all'art. 9 del D. Lgs. n. 77/2002, poiché l'attività svolta nell'ambito dei progetti di Servizio Civile non determina l'instaurazione di un rapporto di lavoro. Di conseguenza il giovane mantiene il requisito soggettivo per essere iscritto al Programma.